news

  • warning: Creating default object from empty value in /var/www/design.rootiers.it/2010/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.
  • user warning: Expression #1 of ORDER BY clause is not in SELECT list, references column 'tecniche2010.nc.last_comment_timestamp' which is not in SELECT list; this is incompatible with DISTINCT query: SELECT DISTINCT nc.nid FROM 10_node_comment_statistics nc INNER JOIN 10_node_access na ON na.nid = nc.nid WHERE (na.grant_view >= 1 AND ((na.gid = 0 AND na.realm = 'all') OR (na.gid = 1 AND na.realm = 'nodeaccess_rid') OR (na.gid = 0 AND na.realm = 'nodeaccess_uid') OR (na.gid = 0 AND na.realm = 'nodeaccess_author'))) AND ( nc.comment_count > 0 )ORDER BY nc.last_comment_timestamp DESC LIMIT 0, 10 in /var/www/design.rootiers.it/2010/modules/comment/comment.module on line 313.
aggiornamenti ed eventi

workshop su Grasshopper a Bologna - CoDe-IT

 Riceviamo e volentieri pubblichiamo
il collegamento all'imminente workshop
su Grasshopper, che si terrà a Bologna a 
cura di Co-De-IT
 

Elegant Ecotones

Per saperne di più sul software, potete guardare
i bei tutorial su Grasshopper costruiti
da Paolo Quadrini:
 

Lecture series: "Il progetto digitale per la costruzione" - Roma 12 Marzo 2010

Presentazione del volume:
Il Progetto digitale per la costruzione

di Stefano Converso
 
Università degli Studi Roma Tre - Facoltà di Architettura
Argiletum - via della Madonna dai Monti 40
 
Venerdì 12 Marzo 2010
ore 18
aula Urbano VIII
 
Ne discutono con l'autore:
Stefano Cordeschi, Maurizio Gargano, Ingrid Paoletti
 
Forum:
Francesco Cellini (Preside della Facoltà di Architettura), Gianluca Lange (Autodesk Building Solutions), Claudio Devoto (DevotoArredamenti, produzione CNC),  Luca Fiorentini (Studio Ares/Tecsa s.p.a. Esperto di analisi del rischio e sistemi di prevenzione incendi su base prestazionale)
 

Lecture series "Il Progetto digitale per la costruzione": Torino 9 Marzo

Politecnico di Torino ! Prima Facoltà di Architettura
Torino, Castello del Valentino, Sala della Caccia
Martedì 9 Marzo 2010 - ore 17.45


Presentazione del volume: 
Il progetto digitale per la costruzione
Ne discutono con l'autore:
Michele Bonino, Pierre-Alain Croset, Edoardo Piccoli
forum:
Bernard Cache (objectile, Parigi), Andrea Graziano (aast///),
Ingrid Paoletti (Polimi), Alberto Pugnale, Mario Sassone (Polito, IASS),  

Le nuove tecnologie digitali di progettazione, che
permettono la modellazione di forme complesse, oggi ne permettono anche la costruzione. Il libro affronta il tema della evoluzione degli strumenti di progettazione e il loro rapporto con quelli di produzione e analisi. Partendo da una descrizione dei nuovi software che permettono un controllo rigoroso della struttura dei modelli digitali (GenerativeComponents, Grasshopper, Paracloud), se ne esplorano le relazioni con le tecnologie produttive a controllo numerico: dalla esperienza diretta alla scala delle installazioni e realizzazioni artigianali fino alla gestione di componentistica a servizio di aziende di produzione per progetti medio-grandi, con un ruolo importante giocato dai laboratori universitari di ricerca. Mediante la raccolta di esperienze dirette e con la voce stessa dei protagonisti (da Greg Lynn a John Frazer), il libro descrive ruoli e competenze necessari per controllare i nuovi strumenti, analizzando in particolare il fenomeno dei "gruppi computazionali" nati all'interno delle grandi società di progettazione e ingegneria. Una collezione di esperienze sperimentali che vale come introduzione al nuovo profilo professionale richiesto ai progettisti, per un rapporto maturo con la cultura digitale.

ESAME_Abachi

Dopo aver definito il modello per fasi di lavoro (come spiegato nel precedente post: 1. fase delle demolizioni;2. fase delle costruzioni;3. fase di progetto;4. fase delle finiture.)

dubbi esame

Caro Stefano, come avevo temuto sin dall'inizio, sono molto lontana dall'aver finito il modello dell'Ara Pacis. Purtroppo ho puntato troppo in alto! Sinceramente non so che fare, ho pensato di fare il book con quello che ho fatto fin'ora, ma sinceramente non sono soddisfatta e non mi sembra rispettoso presentarmi con un lavoro incompleto.

Cosa mi consigli di fare?

ESAME – “cronistoria” del Museo dell’Ara Pacis – Parte II

Velocemente vi aggiorno sullo stato d’avanzamento. Non sto pubblicando tanto perché, oltre ad essere terribilmente indietro col lavoro, per adesso ho lavorato sulla struttura in cemento armato dell’edificio, perciò oltre a produrre un numero infinito di travi e pilastri di dimensioni diverse non ho fatto niente di significativo.
Ho impostato fasi diverse per ogni livello, uno per i pilastri e uno successivo per travi e solai.

ESAME_Fasi di lavoro

Dopo aver realizzato una pianta in cui sono presenti tutti gli elementi del progetto (elementi dello stato di fatto e quelli di progetto), la prima operazione da eseguire è definire le fasi.

Per il mio progetto ho deciso di impostare, in relazione agli stati di avanzamento dei lavori e ai dati che voglio ricavare dagli abachi, 5 fasi: lo stato di fatto, le demolizioni, la "costruzione" degli elementi nuovi, lo stato di progetto e in ultimo le finiture.

ESAME - il rivestimento di intonaco dei pilastri!

Volevo riportarvi velocemente una soluzione, che per fortuna ha funzionato, che ho utilizzato per rendere il rivestimento in intonaco dei pilastri della teca, in modo che fosse una componente separata dal pilastro stesso, così da poterlo aggiungere in una fase successiva.

ESAME – “cronistoria” del Museo dell’Ara Pacis – Parte I

Il tema che ho scelto (scelto?) di sviluppare per l’esame è quello di riprodurre la teca di Meier, lavorando sulle fasi, in modo da mettere in luce i diversi “momenti” che appartengono alla costruzione di un opera.
Condividi contenuti